Da Arsiero al monte CIMONE (m1226) per la strada degli Alpini

DOMENICA 24 MARZO - Prealpi Vicentine

 

Clicca QUI per l'iscrizione ONLINE

 

Il monte Cimone e quel che ne rimane della cima, sulla quale sorge l'ossario a ricordo dei fatti del primo conflitto mondiale.
Il monte Cimone e quel che ne rimane della cima, sulla quale sorge l'ossario a ricordo dei fatti del primo conflitto mondiale.

 

Domenica 24 Marzo 2019
23 settembre 1916 l'esplosione sconvolse la cima, producendo un cratere di circa 50 metri di diametro e 22 di profondità .... le perdite subite dai reparti italiani assommarono complessivamente a 19 ufficiali e 1.118 uomini di truppa.

Itinerario:

La “Strada degli Alpini” è una mulattiera militare d'arroccamento che collega l'abitato di Arsiero al Monte Cimone, realizzata dagli alpini del Battaglione Vicenza nel 1909-1910 e utilizzata durante la guerra.

Dalla piazza principale di Arsiero, a destra del monumento ai caduti (strada per Posina), si sale fino a poco prima dell'imbocco della prima galleria, dove a destra si trova l’indicazione per S. Rocco (tabellina in legno). Alla chiesetta di S. Rocco è possibile parcheggiare e da qui parte l’itinerario proposto.

Dalla chiesetta si imbocca il sentiero 541, che con vari tornanti porta all'incrocio con il sentiero 542. Si sale ancora, fino a che si incontra un bivio con indicazione "Strada degli Alpini", sentiero 536.

Il sentiero, tagliando il fianco del monte, fino all’indicazione, verso destra, per il Monte Cimone.

La mulattiera degli Alpini si fa più ampia e prosegue regolare superando alcuni baiti fino ad uscire sulla strada che porta al Cimone da Tonezza, poco sotto il Piazzale degli Alpini; da qui in pochi minuti si giunge alla zona sacra del Monte Cimone.


Per tornare ad Arsiero senza percorrere la stessa strada, si può imboccare il sentiero, dall’Ossario, per Quota Neutra e Monte Caviojo.

 

Il percorso, tabellato, presenta alcuni punti di osservazioni interessanti, postazioni d’artiglieria e una piccola galleria.

Scendendo si incontra ad un certo punto un’indicazione, verso destra, per Cima Neutra. La deviazione vale la pena di essere seguita, perché porta con qualche minuto di cammino all’imbocco di una galleria elicoidale scavata durante la guerra, che sale ripida e buia (portare una torcia) ma molto suggestiva, ed esce nuovamente sul sentiero appena percorso, non lontano dalla deviazione presa per raggiungerne l’ingresso.

Si continua da qui il percorso fino ad un’altra deviazione;

a destra si prende la strada verso Arsiero, a sinistra si raggiunge il Monte Caviojo (per arrivare alla cima, dove c’è una grande croce e il bivacco Vettori e da cui si gode di uno splendido panorama, si deve affrontare una breve ferratina).

Scendendo verso Arsiero, si incontrano altre deviazioni interessanti, verso il “Baito Spin” e verso un piccolo cimitero di guerra di italiano, fino a tornare al parcheggio di S. Rocco.

 

Prima di lasciare Arsiero, è doveroso un omaggio ai caduti presso il monumentale Cimitero Militare, sito accanto al camposanto comunale.

 

Percorso

Dislivello in salita: m 860

Dislivello in discesa: m 860

Ore di cammino: 5.00

Difficoltà: E

 

TRASFERIMENTO IN PULLMAN
  • partenza ore 7.30 - SEDE SAT DI MORI
L'ossario del Monte Cimone
L'ossario del Monte Cimone